Scuola per la Pace

Un progetto di educAzione alla Pace e ai diritti umani

E' un progetto che vede impegnati docenti e studenti dell'IISS Colamonico-Chiarulli nella promozione della cultura della Pace e dei diritti umani.

Il nostro istituto aderisce alla rete di scuole di Pace e con questo progetto intende:
  • promuovere un ampio dibattito sul ruolo della scuola nella costruzione della pace e nella promozione dei diritti umani, in sintonia con i programmi dell’Onu, dell’Unesco e dell’Alto Commissariato per i Diritti Umani;
  • promuovere un sempre più qualificato e organico impegno del mondo della scuola per l’educazione alla pace e ai diritti umani, in stretto rapporto con il territorio, le famiglie, le associazioni e le istituzioni locali;
  • promuovere il protagonismo dei giovani per la costruzione della pace e il rispetto dei diritti umani;
  • promuovere l'avvio di concrete attività di educazione alla Pace e ai diritti umani favorire lo sviluppo della scuola e di tutte le scuole come luoghi di pace e di legalità;
  • dare concreta attuazione ai principi ispiratori del POF d'istituto.

Marco Ligabue - Il silenzio è dolo

Marco Ligabue all'IISS Colamonico-Chiarulli

L’IISS Colamonico Chiarulli, nell’ambito del progetto di istituto di educazione alla legalità "La mia scuola per la Pace" che ha già visto la presentazione del libro del magistrato Catello Maresca “Male Capitale”, ospita il progetto “Il silenzio è dolo” in un doppio evento con Marco Ligabue, musicista che ha messo le sue note a disposizione per la diffusione di importanti messaggi sociali.

Leggi tutto...

Incontro sulla legalità al Colamonico-Chiarulli

Male Capitale. La misera ricchezza del clan dei Casalesi

L’Istituto Colamonico - Chiarulli, da sempre impegnato nell’educazione alla legalità, il 6 ottobre pv alle ore 17, ospiterà nell’Auditorium "A. Vitolla" della sede "Colamonico" la presentazione del libro “Male Capitale. La misera ricchezza del clan dei Casalesi” di Catello Maresca, Sostituto Procuratore della Repubblica di Napoli.

Leggi tutto...

Nawal - L’angelo dei profughi

Nawal - L’angelo dei profughi

Nawal, che in arabo significa “dono” è nata in Marocco nel 1987 e, quando era molto piccola, è arrivata in Sicilia con i genitori. Ha studiato a Catania. La sua filosofia di vita è “l’essere umano ha una sola patria, il pianeta in cui vive”; per questo dalla provincia di Catania, dove vive e lavora ha creato una rete che aiuta gratuitamente, in tutte le ore del giorno e della notte, con il cellulare sempre all’orecchio, le persone che scappano dalla fame e dalla guerra per approdare in Europa.

Leggi tutto...

Restiamo Umani

Pace Parigi

La morte di tante vittime innocenti ieri a Parigi apre un ulteriore ferita nell'animo di tutti noi, oltre ad esprimere cordoglio alle famiglie toccate dal massacro, rimaniamo fermi nella certezza che anche questa è una occasione per continuare ad impegnarsi per un mondo senza violenza.

Leggi tutto...

Speranza di un mondo migliore: il dono dell'accoglienza

Immigrazione e accoglienza

L'Italia, negli ultimi anni, sta vivendo un fenomeno che suscita grande tensione:"l'immigrazione". Con questo termine si indica lo spostamento di persone del loro paese d'origine in un altro che offra una vita migliore. Questo si è verificato più volte nella storia ed è tuttora diffuso. I flussi migratori illegali sono più del 90%, ed essi non giungono solo dal Nord Africa ma anche da Paesi orientali come la Cina. Si muovono per lo più clandestinamente affrontando il mare in tempesta e superando i confini armati dei loro paesi. L'immigrazione è un argomento che riempie le testate giornalistiche e viene divulgato dalle televisioni quotidianamente. Pertanto abbiamo deciso di approfondire questa tragica realtà.

Leggi tutto...