2008-2009

Mai più violenza sulle donne

Mai più violenza sulle donneIn occasione della Giornata internazionale della donna, e per tutto il mese di marzo,  l'ITC Colamonico aderisce alla campagna Mai più violenza sulle donne di Amnesty International.
Nonostante i progressi nel riconoscimento dei diritti della donna, molto rimane ancora da fare. Donne e ragazze continuano a subire discriminazione e violenza che le privano dell'indipendenza e della possibilità di godere dei diritti fondamentali; sono tra le più colpite dalla povertà, dal degrado ambientale e dalle malattie; sono spesso prese di mira nei conflitti armati o a causa di tradizioni culturali o religiose.

Leggi tutto...

2009 Giovani Amnesty: Mai più violenza sulle donne

cartelloneDonne-web.jpgAll'interno delle iniziative prese nell'ITC Colamonico nel mese di marzo 2009,  i ragazzi che hanno scelto di aderire alle iniziative di Amnesty International hanno organizzato e gestito, il 21 marzo scorso, un banchetto informativo sulla campagna Mai più violenza sulle donne.
In particolare sono state raccolte firme a sostegno di due appelli:

Leggi tutto...

60° Dichiarazione diritti umani - Angela Larenza - Amnesty International

Sintesi dell'incontro con Angela Larenza
18 dicembre 2008 - ITC Colamonico
Licia Ferrigni e Angela Larenza
Amnesty International - Bari
in occasione del 60° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani

Amnesty InternationalAmnesty International è un'organizzazione non governativa, che si occupa di diritti umani.  Negli anni '60 la detenzione per motivi di opinione, era una delle violazioni dei diritti umani più diffuse.
Amnesty nasce nel 1961, come ha detto Licia Ferrigni , per iniziativa dell'avvocato londinese Peter Benenson proprio per denunciare tali violazioni. Dal 1961 il mondo è profondamente cambiato e anche Amnesty, senza però perdere la sua identità, ossia essere un movimento di attivisti per i diritti umani, indipendente e imparziale.

Negli anni successivi Amnesty ha così ampliato il suo raggio d'azione da comprendere: la richiesta di processi equi e tempestivi per i prigionieri politici, l'abolizione della pena di morte, l'abolizione della tortura, la cessazione delle sparizioni e delle uccisioni extragiudiziali. In questo modo Amnesty ha trasformato il proprio mandato in una visione; la visione di AI è quella di un mondo in cui ad ogni essere umano vengano riconosciuti e garantiti i diritti sanciti dalla Dichiarazione universale dei diritti umani.

Nel perseguimento di questa visione, la missione di Amnesty è "di svolgere attività di ricerca e azione finalizzate a prevenire ed eliminare gravi abusi di tali diritti."

Leggi tutto...

60° Dichiarazione diritti umani - Licia Ferrigni - Amnesty International

Sintesi dell'incontro con Licia Ferrigni - Amnesty International

18 dicembre 2008 - ITC Colamonico
Licia Ferrigni e Angela Larenza
Amnesty International - Bari
in occasione del 60° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani

60 anni Dichiarazione Universale Diritti Umani Ogni anno, il 10 dicembre, si riflette in tutto il mondo sulla Dichiarazione universale dei diritti umani , su quanto e cosa si è realizzato e su quanto e cosa si deve ancora realizzare. Quest'anno ancora di più, perché non solo Amnesty International ma enti, associazioni, istituzioni, scuole sono coinvolti in prima persona in una campagna globale, un grande momento di riflessione per rendere i diritti umani una realtà per tutti in occasione del 60° anniversario della proclamazione della Dichiarazione universale dei diritti umani da parte dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite. 

Leggi tutto...

Gruppo Giovani - Amnesty International

amnesty_international_candle.gifincontro del 18 dicembre scorso,  per passare dall'indignazione all'azione, gli studenti dell'ITC Colamonico si incontrano per costituire un gruppo giovani di Amnesty International

11 febbraio ore 14,00 - Interverrà Angela Larenza (Amnesty International - gruppo Bari)

60° Anniversario Dichiarazione dei diritti umani

Anniversario Dichiarazione dei diritti umaniL'ITC Colamonico nell'ambito del progetto POF "La mia scuola per la Pace ", in occasione del 60° anniversario della Dichiarazione dei Diritti umani organizza nel mese di dicembre 2008 le seguenti attività:

  • Visione del film "All Human Rights for All " un film collettivo no-profit. Registi, sceneggiatori, attori, musicisti, maestranze e produttori del cinema italiano – un migliaio di volontari del nostro cinema – hanno realizzato a titolo gratuito 30 cortometraggi, ispirati ai 30 articoli della Dichiarazione Universale
  • 18 dicembre 2008 - A 60 anni dalla Dichiarazione, facciamo il punto con Amnesty International. Sono intervenute: Licia Ferrigni - responsabile EDU (Educazione ai Diritti Umani) e Angela Larenza (addetto stampa AI) del gruppo di Bari.





La mia scuola per la Pace 2008-2009

Manifesto la mia scuola per la paceUn progetto di educAzione alla Pace e ai diritti umani

Un progetto per l’educazione alla pace e ai diritti umani in occasione del 2008: 60° Anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani e della Costituzione Italiana; Anno Europeo per il Dialogo interculturale.

Destinatari
Alunni di IV e V classi 

Docenti
Andriano Rino, Cardinale Daniela, Iacobellis Angela, Manchisi Antonia, Pavone Michele, Petrelli Caterina, Piconio Caterina, Valeriano Marcello

Leggi tutto...

Giornata della memoria 2009

Auschwitz - mai piùPer dare voce alle vittime della SHOAH

L'ATTIMO
Spettacolo teatrale

Mercoledì 28 gennaio 2009 - Triennio

Venerdì 13 febbraio 2009 - Biennio
Auditorium ITC Colamonico

L'iniziativa rientra nel progetto "la mia scuola per la Pace"

Gli attori, racconteranno le testimonianze di cittadini italiani, sopravvissuti alla deportazione e alla prigionia nel campo di sterminio dì Auschwitz, estratte dall'archivio della “Shoah Foundation Institute for Visual History and Education ” creato da Steven Spielberg.

Storie attraverso le quali sono rivissuti i momenti più significativi di quella drammatica esperienza: il momento dell'emanazione delle leggi razziali in Italia, gli inutili tentativi di fuga, la deportazione, la separazione dalle proprie famiglie, la miracolosa sopravvivenza ad Auschwitz, la liberazione con l'arrivo dei soldati alleati.